“Introduzione alla Potatura della Rosa Rugosa”

“Introduzione alla Potatura della Rosa Rugosa”

In questo articolo tratteremo delle caratteristiche botaniche e di coltivazione distintive della Rosa Rugosa. La Rugosa è un bellissima rosa appartenente alla grande categoria delle “rose antiche”. In virtù del suo lungo riposo vegetativo riesce a sopravvivere in zone caratterizzate da inverni freddi anche molto intensi, come lo sono i paesi del nord europa. In questi paesi, infatti, la rosa rugosa rappresenta la tipica rosa da giardino.

La Rugosa si riconosce per il suo portamento di cespuglio eretto e vigoroso, dall’aspetto molto naturale ed antico. I rami, dotati di numerosissime spine, partono tutti insieme dal livello del colletto e si sviluppano dritti verso l’alto.

Il nome della specie prende origine dalle caratteristiche venature delle foglie che ricordano delle rugosità, da qui l’effetto di un fogliame ruvido e folto. Il fogliame è di un verde brillante durante la stagione vegetativa, mentre assume sfumature rossastre in autunno. La specie fiorisce più volte durante la stagione vegetativa (rifiorente) con grandi fiori, solitamente profumati, sia semplici che doppi. I fiori sono caratterizzati da tonalità di colore che variano dal bianco puro, al rosa chiaro sino al rosso porpora.

Molte varietà, dopo la fioritura, lasciano sulle piante delle grandi bacche (cinorrodi, cioè i frutti della rosa) carnose e colorate (rosso-arancio) che permangono sulla pianta per tutto l’inverno e ne caratterizzano l’aspetto decorativo durante questa stagione.

La rosa Rugosa si adatta bene a qualsiasi tipo di suolo ma è esigente nei confronti dell’esposizione. Richiede, infatti, un’ esposizione soleggiata, sia in terra che in contenitore, per svilupparsi al meglio altrimenti perde vigoria e rimane stentata. Questa particolare specie di rosa, tuttavia, rimane pur sempre una pianta molto rustica dalla facile e scarsa gestione e manutenzione. Inoltre, grazie alle sue caratteristiche di longevità e resistenza al gelo, la rosa Rugosa è utilizzata ampiamente pure come portainnesto.

Bene, adesso dopo questo breve accenno sulle caratteristiche botaniche e paesaggistiche della  specie siete pronti per cominciare la vostra potatura della rosa Rugosa. Vi do’ appuntamento al prossimo articolo in cui vi spiegherò e mostrerò tutte le fasi  di questa tecnica. A presto!

Riproduzione Riservata – 2014 Il Dottore Delle Piante

No Comments

Post A Comment