La Concimazione Autunnale

La Concimazione Autunnale

Siamo alla fine dell’estate e per le piante dei nostri giardini è giunto il tempo della concimazione, una “concimazione organica” ovviamente, la chimica non ci interessa. Trattasi di una “concimazione di copertura” a base esclusivamente organica. Ciò significa che lo scopo di tale somministrazione è di sostenere e stimolare le singole piante durante la seconda parte del loro ciclo vegetativo e cioè per tutto il periodo autunnale, allorquando le temperature estive si sono attenuate e le piante riprendono a vegetare nuovamente. Tale distribuzione avrà lo stesso effetto di una concimazione con un prodotto chimico a lenta cessione, dato che il concime organico avrà bisogno di alcuni giorni per essere completamente degradato e fisiologicamente attivo e ciò consentirà un duplice risultato positivo. Da una parte permetterà alle nostre piante di incrementare decisamente la qualità e quantità di una seconda crescita vegetativa, che già avviene di per sé naturalmente nel periodo autunnale, migliorandone la vigoria e la bellezza della vegetazione e dall’altra consentirà l’accumulo nei tessuti vegetali di due macro elementi quali il Calcio e il Potassio. Tali elementi sono indispensabili per irrobustire le pareti delle cellule vegetali, svolgendo così un’azione di prevenzione dai possibili danni da freddo causati dai rigidi mesi invernali. Per la scelta del concime organico, io vi consiglio un prodotto a base di “Organ Ferro” sia per la qualità che per il basso costo. E’ un concime organico arricchito con ferro minerale in forma di pellets (piccoli cilindri compressi di color marrone) che deve essere deposto in prossimità del bordo del vaso o vicino il più possibile alla fonte idrica (gocciolatore), ma mai vicino al colletto della pianta, in un quantitativo (dose) che varia in proporzione al vigore e all’età della pianta stessa. Per velocizzare il processo di decomposizione del concime organico sarebbe buona norma interrarlo leggermente. La dose da distribuire non deve mai superare un volume pari ad 1 “pugno chiuso” per piante di grandi dimensioni mentre per piante di più piccole dimensioni è sufficiente distribuire un quantitativo pari ad 1 “cucchiaio da cucina”. Il giardino ci aspetta. Sperando di esservi stato utile, vi auguro un buon lavoro…..

© Riproduzione Riservata – 2014 Il Dottore delle Piante

No Comments

Post A Comment